Home‎ > ‎

Piloti di ieri


"...E' oltremodo difficile stabilire con una certa sicurezza in quale anno i piloti iniziarono ad operare nel porto di Genova. 

Occorre innanzitutto dire che certamente essi non nacquero come piloti, ma che tali diventarono attraverso successivi passagi... 

...dovette derivare successivamente la Corporazione dei Barcaioli che forse in origine raggruppava marinai non più abili per il servizio a bordo delle navi e che in seguito fu formata da personale specificamente destinato a quel tipo di lavoro... 

...Va tenuto presente che la maggiore difficoltà che incontrava una nave non era di entrare in porto, bensì di rimanerci ancorata od ormeggiata. Non esisteva praticamente un'imboccatura, o meglio, anche dopo la costruzione del Molo Nuovo, essa era tanto ampia da consentire a chiunque di entrarvi sotto vela, condizioni di tempo permettendo. L'ultimo tratto era percorso a rimorchio di appositi battelli armati da battellieri-ormeggiatori (i futuri piloti) che portavano la nave sul punto di fonda oppure ad ormeggiare in andana su boe o corpi morti esistenti nello specchio acqueo compreso fra il Molo Vecchio e la Darsena. Al Molo Nuovo di punta ormeggiavano le navi in quarantena, quelle in attesa di libera pratica o con carichi particolari... 

...Nel 1702 venne interpellato l'ingegnere francese Pierre Antoine Verger affinché suggerisse una qualche soluzione al grave problema della risacca in porto, attenuata ma non eliminata dopo la costruzione del Molo Nuovo. La sua proposta di costruire un molo a Santa limbania fu sottoposta al parere di un buon numero di periti ed esperti di mare. Fra questi risulta un "Luigi Luciardo, pilota", che diede parere sfavorevole. Egli é l'unico ad essere indicato con quel titolo... 

...Dunque sembrerebbe che in quell'anno ci fosse già qualcuno che esercitava il pilotaggio nelle acque portuali. Da testimonianze di epoche successive, risulterà comunque che il pilotaggio portuale era esercitato a Genova nel secolo XVIII.

Ciò risulta evidente da un documento rintracciato nell'archivio di Stato di Genova. Si tratta del Registro Denoncie per l'ormeggio delle Naui, 1785-1797, che riporta un migliaio di quelli che potrebbero essere definiti "rapportini di manovra", dal 29.IV.1785 al 4.V.1798. Non si sa da chi e per conto di quale ufficio siano stati compilati poiché mancano indicazioni precise al riguardo..